In Casa Madre a Asti la presentazione del libro su Don Enrico Carandino - Asti

Ieri sera, 29 febbraio, nell'Aula magna di Casa Madre ad Asti si è svolta la presentazione del libro "Don Enrico Carandino.

Un sacerdote una famiglia, un territorio", Edizioni Terra e Identità 2010, pp. 82

Curatore del libro è Don Ugo Caradino, pronipote di Don Enrico. Editore è Lorenzo Fornaca.

Padre Luigi Marsero Provinciale della provincia San Giuseppe Marello ha presentato i due relatori don Ugo Carandino e Lorenzo Fornaca.

All'esposizione del curatore è seguita l'ilustrazione dei luoghi di origine di Don Enrico Carandino, tra Patro, Portacomaro,


Tonco e Penango, svolta dall'editore Fornaca. Sono intervenuti quindi monsignor Vittorio Croce vicario generale della diocesi di Asti e Valter Antonio Pierini sindaco di Portacomaro.

Don Enrico Carandino (14 maggio 1860 - 22 maggio 1929) è uno dei più grandi costruttori della Congregazione degi Oblati di san Giuseppe. Fu ordinato sacerdote dal vescovo di Asti monsignor Giuseppe Ronco il 17 marzo 1888, e San Giusepe Marelo aveva proveduto a fargli personalmente il patrimonio ecclesiastico, che a quel tempo si richiedeva per ogni sacerdote al momento della sua ordinazione.


A lui e agli altri primi sacerdoti Oblati di San Giuseppe - don Giovani Battista Cortona Cortona, don Giovanni Medico e don Vincenzo Baratta - San Giuseppe Marello affidò la preparazione delle regole del 1892.

Nel 1893 don Enrico è rettore dela casa di formazione degli Oblati nel Castello di Frinco, acquistato da San Giuseppe Marello in quell'anno.


Nel 1901 è superiore della casa di Alba, santuario della Madona della Moretta. Grecista e latinista, dal 1903 al 1913 è rettore del seminario minore vescovile di Fossano.

Dal 1914 è incaricato dela formazione in Casa Madre in Asti.

Nel 1918 aprì la prima casa della congregazine a Roma via Urbana e fu il primo confratello procuratore generale della congregazione.

All'inizio del libro si trova il Diario manoscritto di Padre Enrico (pp. 11-37). Poi vi è una sintetica vita del padre scritta dal suo confratello p. Luigi Mori (pp. 38-63).


Infine vi è un'appendice curata da d. Ugo Carandino sul quadro storico della famiglia Carandino (pp. 64-82).

Il libro contribuisce alla riscoperta storica della figura di Don Enrico Carandino come

personaggio.


Ecco qui alcuni video della serata:


Saluto e presentazione di p. Luigi Marsero



Intervento dell'editore Lorenzo Fornaca

Presentazione del libro svolta dal curatore don Ugo Carandino


Intervento di mons. Vittorio Croce e di Valter Antonio Pierini


Conclusione - p. Luigi Marsero


Le immagini della presentazione


LOGOfondotrasparente.png